DANIELE SEPE - Anime Candide (Canzoni D'Amore e di Guerra)

Codice prodotto RM675
Categoria CD
Marca Il Manifesto
Disponibilità si
Disponibilità altri pezzi previo ordine no

Segnala ad un amico

Altre domande ?

   

CD con Libretto di 32 Pagine - Data di Uscita: 2002 - Folk Alternativo - Campania

Track List

1. 'Nduniella  2:49
    2. Il lupo e l'agnello
    3.  Anime candide
    4. Ce me pe ti zog
    5. Valse pour Marlene
    6. Sammuchella
    7. Amuri
    8.  Valse bomba
    9.  Preludio
    10. Chanson D'Amour
    11.  L'uccello di fuoco
    12.  Asi como matan negros
    13. Ronda da marraficas
    14.  Menina esta a janela
    15. Happy end 

 

1. 'Ndunielle
Zampogna a chiave molisana - Piero Ricci

 Vocals - Auli Kokko

2. Il lupo e l'agnello
Bassoon – Antonello Capone

Clarinet – Luciano Russo

Conductor – Daniele Sepe

Double Bass – Dario Franco

Drums, Percussion – Enrico Del Gaudio

Electric Guitar – Franco Giacoia

Ensemble – Costo Zero Vesuvian Orchestra

Flute – Roberto Natullo

Narrator – Jorgos Pittas

Oboe – Oktavian Nikita-Christea

Trombone – Roberto Schiano

Voice – Franco Sansalone, Rosita Ippolito

3. Anime candide
Cimbalom – Marian Serban

Drums – Enrico Del Gaudio

Electric Guitar – Franco Giacoia

Keyboards, Electric Piano [Wurlitzer], Flute, Other [Programming] – Daniele Sepe

Organ [Hammond] – Ernesto Vitolo

Vocals [Coro] – Daniele Sepe, Enrico Del Gaudio, Franco Sansalone, Luca De Luca, Luciano Russo, Massimo FerranteVoice – Luca Persico

4. Ce me pe ti zog?
Bass – Tommaso Scannapieco

Cimbalom – Marian Serban

Clarinet, Flute [Double Flute], Kaval, Saxophone – Daniele Sepe

Drums – Enrico Del Gaudio

Electric Guitar – Franco Giacoia

Synthesizer [Rhodes, Prophet] – Piero De Asmundis

Trombone – Roberto Schiano

Trumpet – Roy Paci

Voice – Adnan Hozic, Auli Kokko, Massimo Ferrante


5. Valse pour Marlene
Accordion, Piano – Piero De Asmundis

Celesta – Daniele Sepe

Double Bass – Aldo Vigorito

Drums – Enrico Del Gaudio

Resonator Guitar [Dobro] – Franco Sansalone


6. Sammuchella
Clarinet [Clarinetto Piccolo] – Lello Settembre

Double Bass – Tommaso Scannapieco

Drums – Enrico Del Gaudio

Mandolin – Filippo D'Allio

Piano – Armanda Desidery

Piccolo Flute – Daniele Sepe

Trombone – Roberto Schiano

Voice – Emi Salvador


7. Amuri
Cimbalom – Marian Serban

Double Bass – Tommaso Scannapieco

Drums – Enrico Del Gaudio

Guitar [Chitarra catanese] – Franco Giacoia

Percussion – Roberto Lagoa

Voice – Auli Kokko

Voice, Guitar [Chitarra battente] – Massimo Ferrante

8. Valse bomba
Bassoon – Antonello Capone

Clarinet – Luciano Russo

Conductor – Daniele Sepe

Double Bass – Aldo Vigorito

Drums, Percussion – Enrico Del Gaudio

Ensemble – Costo Zero Vesuvian Orchestra

Flute – Roberto Natullo

Oboe – Oktavian Nikita-Christea

Other [Saw], Keyboards – Daniele Sepe

iano – Piero De Asmundis

Trombone – Roberto Schiano

9. Preludio
Bagpipes [Zampogna a chiave molisana] – Piero Ricci


10. Chanson d'amour
Bassoon – Antonello Capone

Clarinet – Luciano Russo

Conductor – Daniele Sepe

Double Bass – Aldo Vigorito

Ensemble – Costo Zero Vesuvian Orchestra

Flute – Roberto Natullo

Guitar – Franco Giacoia

Oboe – Oktavian Nikita-Christea

Percussion – Enrico Del Gaudio

Piano – Piero De Asmundis

Trombone – Roberto Schiano

Vocals [Coro] – Daniele Sepe, Enrico Del Gaudio, Franco Sansalone, Luca De Luca, Luciano Russo, Massimo Ferrante

Voice – Giuseppe Naviglio

11. L'uccello di fuoco
Clavinet, Other [Programming] – Daniele Sepe

Double Bass – Aldo Vigorito

Other [Il DJ] – Luca "Zulù" Persico*

Percussion – Enrico Del Gaudio, Roberto Lagoa

Piano – Piero De Asmundis

12. Asi como matan los negros
Bassoon – Antonello Capone

Cello – Leonardo Massa

Charango, Bombo – Carlo Vignaturo

Double Bass – Dario Franco

Guitar – Franco Giacoia

Oboe – Oktavian Nikita-Christea

Other [Portativo] – Daniele Sepe

Percussion – Roberto Lagoa

Voice – Gaio Cadena


13. Ronda da marraficas
Bass – Roberto Giangrande

Drums – Freddie Malfie*

Electric Guitar – Franco Giacoia

Jew's Harp – Massimo Ferrante

Percussion – Ciccio Merolla

Synthesizer [Rhodes, Prophet] – Piero De Asmundis

Trumpet – Roy Paci

Voice – Auli Kokko

14. Menina estas a janela
Bass – Vittorio Pepe

Drums – Agostino Mennella

Electric Guitar – Franco Giacoia

Kemenche – Lino Cannavacciuolo

Percussion – Roberto Lagoa

Piano – Piero De Asmundis

Soprano Saxophone – Daniele Sepe

Twelve-String Guitar – Massimo Ferrante

Voice – Auli Kokko

15. Happy end
Electric Guitar – Franco Giacoia

Flute, Synthesizer [Rhodes], Clavinet – Daniele Sepe

Percussion – Roberto Lagoa

Piano, Accordion – Piero De Asmundis

 

Questa volta Daniele Sepe ha mirato in alto. Effettivamente l’artista partenopeo non ha fatto, almeno finora, dei passi falsi, tuttavia “Anime candide” si erge di molto sulle ultime opere del nostro. La complessità e la meticolosità che hanno permesso a Sepe di allestire un’opera giustamente pretenziosa come “Anime candide” sono le stesse che gli hanno permesso di fare album altrettanto concettuali come “Spiritus mundi”, “Lavorare stanca” e “Conosci Victor Jara”. “Anime candide” è, appunto, un disco concettuale, nel senso più largo del termine.
Non a caso lo stesso Sepe nelle note di copertina confessa che questo disco è il progetto più complesso nel quale si è avventurato. Il filone che Sepe ha seguito per questa ultima opera è la dicotomia amore/guerra, come recita lo stesso sottotitolo “Canzoni d’amore e di guerra”.
Nelle 15 tracce in questione il nostro alterna brani d’amore recuperati dalle tradizioni popolari italiane e mediterranee a canzoni sulla guerra. Come tutti i grandi artisti Sepe non è rimasto indifferente di fronte alle conseguenze che gli Usa hanno provocato nel mondo arabo dopo l’11 settembre, infatti, sempre nelle note di copertina, viene citato il De Andrè di “Storia di un impiegato” “…per quanto voi vi sentite assolti, siete lo stesso coinvolti…”. Lo stesso topolino senza un gamba in copertina è molto più eloquente di tante immagini che negli ultimi due anni ci sono giunte in televisione. Il topolino in copertina che ha un’espressione sorniona e quasi vendicativa trova poi un collegamento con il ritmo dance paradossale de “L’uccello di fuoco” dove Luca Persico dei 99 Posse da’ voce ad uno di quei balletti da massa estivi, dando indicazioni raccapriccianti “mine, saltare, superman”. Inquietante e sarcastico, come anche l’arroganza degli Usa descritta nella title-track. Finora si è parlato pochissimo di musica, forse perché Sepe è uno dei pochissimi artisti che ha la rara capacità di fondere il messaggio politico con l’arte ed in questo periodo ce n’è altamente bisogno. Tuttavia, musicalmente quest’ultimo capolavoro di Sepe è di pregevole fattura, grazie alla profonda ricerca di brani tradizionali suonati con strumenti originali, come zampogne o strumenti di musica da camera. Vittorio Lannutti  -  www.freakoutmagazine.it

Gli utenti registrati possono condividere la loro esperienza avuta con questo prodotto/servizio. Registrati per accedere a tutti i benefici riservati agli utenti registrati o clicca su login se sei già registrato.


newcart.it Un eshop professionale completo a soli 49 euro l'anno con NewCart
Questo sito è presente su Offertissime.shop